Connectivity

TIM MYDEVICE
Per gestire e controllare i device proteggendone i dati, con tutti i vantaggi del 5G e All Risk per assicurare continuità di servizio. Scopri di più

TIM MYDEVICE

Cybersecurity

TIM ENTERPRISE PER NIS 2
Aiutiamo le aziende italiane a mettersi in regola con la nuova direttiva europea. Scopri di più

TIM Enterprise per NIS 2

5G e IoT

TIM PEOPLE ANALYTICS
Report rapidi e intuitivi per lo studio delle dinamiche di mobilità della popolazione sul territorio. Scopri di più

TIM People Analytics

Cos’è il PNRR: panoramica, tempistiche e fondi
FOCUS     |     PNRR

Cos’è il PNRR: panoramica, tempistiche e fondi

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) porterà enormi vantaggi al nostro Paese in tutti i settori, con conseguenze positive per amministrazioni pubbliche, aziende e cittadini. Scopri nel dettaglio quali sono.


Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza “Italia Domani”, abbreviato in PNRR, è il documento elaborato dal Governo italiano per accedere ai fondi stanziati dall’Unione Europea a seguito dell’emergenza Covid 19. Lo scopo del PNRR è definire l’entità dei finanziamenti richiesti dall’Italia con una precisa descrizione di obiettivi, modalità e tempistiche di spesa. Il piano è stato redatto seguendo le linee guida del programma Next Generation EU, uno strumento finanziario temporaneo messo a punto dai 27 Stati membri dell’Unione.
La finalità del programma europeo e del PNRR non è semplicemente ripristinare lo status quo pre-pandemico, ma rilanciare e modernizzare i paesi europei dal punto di vista economico, sociale e ambientale nell’ottica di trasformare una crisi in una opportunità di crescita.
Al termine del programma, l’Italia e gli altri Stati saranno più competitivi e solidi dal punto di vista produttivo e più sostenibili, inclusivi ed efficienti grazie a una serie di riforme che hanno impatti positivi su  Pubblica Amministrazione, aziende e cittadini.
Il valore complessivo del PNRR italiano ammonta a un valore di 235 miliardi di euro. Vediamo i passi fondamentali che hanno portato a questo importante risultato. 

PNRR: il testo definitivo approvato

Il testo del PNRR “Italia Domani” è stato sottoposto il 30 Aprile del 2021 alla Commissione UE che il 22 Giugno ne ha dato una valutazione positiva. Conseguentemente, il Consiglio dell'Unione Europea ha approvato il PNRR italiano e il 13 luglio 2021 ne ha deciso l’esecuzione, prevedendo un finanziamento pari a 68,9 miliardi di euro come sovvenzioni a fondo perduto e di 122,7 miliardi di euro come prestito.
I fondi vengono erogati per tappe ai paesi membri, che devono garantire la realizzazione delle riforme previste e il raggiungimento degli obiettivi nelle modalità indicate.  Il termine ultimo per l’utilizzo dei finanziamenti è fissato al 31 dicembre 2026.

In Italia la gestione e l’attuazione del PNRR sono definiti da un decreto legge e il nostro Paese ha ricevuto i primi finanziamenti a partire dal 13 agosto 2021. Al Ministero dell’Economia e delle Finanze spetta il monitoraggio dell’attuazione del piano e i contatti con la Commissione UE, mentre il Governo, definito “cabina di regia”, ha il compito di supervisionarne l’avanzamento, di stabilire eventuali modifiche normative o di attivare poteri sostitutivi. Dal 3 agosto 2021 è attivo il portale Italia Domani , dedicato al PNRR. Ma come si articola il Piano? Vediamolo nel concreto.

PNRR: le 6 missioni del piano

Il PNRR definisce i progetti di investimento necessari per il rilancio del Paese, suddivisi in 6 missioni principali:


1. Digitalizzazione, innovazione, competitività, cultura e turismo;

2. Rivoluzione verde e transizione ecologica;

3. Infrastrutture per una mobilità sostenibile;

4. Istruzione e ricerca;

5. Coesione e inclusione;

6. Salute.


Le missioni sono interconnesse, vale a dire che i singoli obiettivi si integrano gli uni con gli altri e concorrono allo sviluppo organico del Paese. Grazie agli investimenti nell’innovazione progredirà lo sviluppo della digitalizzazione, il che porterà a un radicale miglioramento dei processi produttivi e a uno snellimento delle procedure burocratiche.
Un altro elemento importante è la salvaguardia dell’ambiente, poiché il piano mira a produrre energia da fonti rinnovabili, cosa che si tradurrà in un potenziamento delle infrastrutture e in una mobilità maggiormente sostenibile ed ecologica. È chiaro come istruzione e ricerca siano dei punti chiave e in quest’ottica sono stati stanziati investimenti mirati alla formazione per valorizzare le competenze presenti nel nostro Paese.

Inoltre, il piano si propone di incentivare i settori di ricerca e sviluppo delle imprese e di favorire l’interazione tra aziende ed enti pubblici. Anche la Missione “coesione e inclusione” prevede attività di formazione e riqualificazione dei lavoratori, oltre a favorire l’imprenditorialità femminile e l’inserimento lavorativo dei giovani. Parallelamente, ha l’obiettivo di rafforzare le politiche sociali per sostenere famiglie, persone con disabilità, minori e anziani non autosufficienti.

L’ultima Missione è inerente a un settore cruciale, la salute. Le misure del piano solo volte a migliorare l’accesso alla prevenzione e alle cure da parte dei cittadini attraverso l’istituzione di reti territoriali, l’ammodernamento delle strumentazioni, l’implementazione della tecnologia, la telemedicina e nuovi investimenti nella ricerca scientifica.

Il portale reclutamento del PNRR

Il PNRR ha già creato nuovi posti di lavoro e ha estremamente semplificato le procedure di candidatura e di selezione del personale per le Pubbliche Amministrazioni grazie all’istituzione del Portale del Reclutamento.
Attraverso questo portale, le PA rendono noti tutti i bandi e i concorsi per l’assunzione di nuovi professionisti, i quali possono candidarsi direttamente dal sito. La digitalizzazione del processo non solo favorisce l’incontro da domanda e offerta di lavoro, ma riduce i costi e rende maggiormente trasparenti i procedimenti di selezione.  L’andamento di ogni concorso PNRR è monitorabile dal sito. 

Da questa panoramica emerge come il PNRR sia una grande occasione di rilancio per l’Italia e che vada colta con impegno e responsabilità. In questo contesto, anche TIM ha dato il suo contributo, sviluppando reti, tecnologie digitali e infrastrutture. Scopri di più sui progetti di TIM per il PNRR  e sul perché possiamo essere il tuo partner di riferimento, compila il form per essere ricontattato da un nostro consulente commerciale.