Connectivity

TIM MYDEVICE
Per gestire e controllare i device proteggendone i dati, con tutti i vantaggi del 5G e All Risk per assicurare continuità di servizio. Scopri di più

TIM MYDEVICE

Cybersecurity

TIM GUARDIAN

Soluzioni integrate per la sicurezza informatica e la massima velocità di rete. Scopri di più

Tim Guardian

5G e IoT

TIM PEOPLE ANALYTICS
Report rapidi e intuitivi per lo studio delle dinamiche di mobilità della popolazione sul territorio. Scopri di più

TIM People Analytics

Cloud native: cosa significa e quali sono i vantaggi?
FOCUS     |     CLOUD

Cloud native: cosa significa e quali sono i vantaggi?  

Nel mondo dell'informatica e delle infrastrutture tecnologiche, il termine "cloud native" sta acquistando sempre più rilevanza, soprattutto tra le aziende emergenti che scelgono di basare interamente la loro operatività su soluzioni cloud. Ma cosa significa esattamente essere una azienda cloud native e quali vantaggi comporta questa scelta?


Nel contesto dell'innovazione tecnologica, il termine "cloud native" si riferisce a un approccio di sviluppo e gestione delle applicazioni che sfrutta pienamente i vantaggi del cloud computing. Le soluzioni cloud native sono progettate per essere agili, scalabili e completamente automatizzate, basandosi su tecnologie come i microservizi, i container, l'orchestrazione dinamica e l'infrastruttura immutabile.

Questo approccio non solo accelera il time-to-market di nuovi prodotti e servizi, ma garantisce anche un'elevata resilienza e disponibilità, essenziali per le aziende in un ambiente di mercato sempre più competitivo e in rapido cambiamento.

Cosa significa per un’azienda essere “cloud native”?

Facciamo un passo indietro: con “aziende cloud native” s’intendono quelle aziende che nascono con il cloud al 100%.

Essere cloud native implica un approccio all'IT in cui le organizzazioni costruiscono e gestiscono le loro applicazioni sfruttando appieno i vantaggi delle moderne tecnologie cloud. Questo non riguarda solo l'hosting di dati o applicazioni in cloud, ma abbraccia una filosofia più ampia che include l'automazione, l'agilità, la scalabilità e la resilienza, elementi fondamentali per competere nell'attuale panorama digitale.

Le imprese che adottano questa filosofia non si limitano a trasferire le loro risorse esistenti nel cloud, ma progettano le loro operazioni per essere nativamente integrate con il cloud, ottimizzando così processi, costi e performance.

Le caratteristiche principali del cloud native

Le principali caratteristiche del cloud native sono l'elasticità, la portabilità, l'automazione e l'orientamento ai servizi.

  • Elasticità: le infrastrutture cloud native sono progettate per scalare in modo dinamico. Ciò significa che possono adattarsi facilmente alle fluttuazioni della domanda, aumentando o diminuendo le risorse disponibili automaticamente e in tempo reale, garantendo così efficienza e riduzione dei costi operativi.
  • Portabilità: le applicazioni e i servizi sviluppati in un ambiente cloud native sono progettati per essere eseguiti su qualsiasi piattaforma cloud senza necessità di riconfigurazione. Questo è possibile grazie all'uso di container e orchestrazione, che permettono una migrazione fluida tra diversi ambienti cloud.
  • Microservizi: invece di costruire applicazioni monolitiche, le architetture cloud native favoriscono lo sviluppo basato su microservizi. Questi sono piccoli, autonomi e indipendenti, comunicano tra loro tramite API ben definite, facilitando aggiornamenti, manutenzione e scalabilità.
  • Automazione: l'automazione è un pilastro del cloud native, poiché riduce il bisogno di interventi manuali nelle operazioni quotidiane. Processi come il deployment, il monitoraggio, la recovery e la scalabilità sono gestiti attraverso strumenti automatizzati che migliorano l'affidabilità e la velocità di risposta.
  • Orientamento ai servizi: le aziende cloud native adottano un approccio orientato ai servizi, il che significa che tutte le funzioni IT sono viste come servizi che possono essere rapidamente assemblati, configurati e riutilizzati. Questo favorisce una maggiore agilità e una più rapida introduzione di nuove funzionalità sul mercato.
Queste caratteristiche non solo facilitano una maggiore resilienza e agilità, ma consentono anche alle aziende di sfruttare al meglio le innovazioni tecnologiche, rimanendo competitive in un mercato in rapida evoluzione.

Come TIM Enterprise può supportare le aziende cloud native?

L'adozione di un'infrastruttura cloud native rappresenta una svolta per le aziende che cercano di rimanere all'avanguardia nella trasformazione digitale. TIM Enterprise, con la sua vasta esperienza e le risorse tecnologiche avanzate, si pone come un partner ideale per le aziende che desiderano intraprendere questo percorso.

Offrendo soluzioni personalizzate che si adattano alle specifiche esigenze di ogni azienda, TIM Enterprise può facilitare la transizione verso architetture più flessibili e scalabili ovunque si trovi l’azienda nel suo journey to cloud, TIM Enterprise offre un supporto continuo che va dalla colocation al multicloud, dalle infrastrutture alle applicazioni, offrendo una soluzione completa, corredata anche di servizi di consulenza e di gestione degli ambienti cloud del cliente.

Inoltre, grazie a una gamma di servizi che include l'automazione, la sicurezza migliorata e il supporto tecnico proattivo, TIM Enterprise aiuta le aziende a sfruttare pienamente i vantaggi di essere cloud native, migliorando la loro efficienza operativa e capacità innovativa.
Scopri tutti i vantaggi richiedendo una consulenza con un nostro esperto.