Connectivity

TIM MYDEVICE
Per gestire e controllare i device proteggendone i dati, con tutti i vantaggi del 5G e All Risk per assicurare continuità di servizio. Scopri di più

TIM MYDEVICE

Cybersecurity

TIM ENTERPRISE PER NIS 2
Aiutiamo le aziende italiane a mettersi in regola con la nuova direttiva europea. Scopri di più

TIM Nis 2

5G e IoT

TIM PEOPLE ANALYTICS
Report rapidi e intuitivi per lo studio delle dinamiche di mobilità della popolazione sul territorio. Scopri di più

TIM People Analytics

La classificazione dei dati tra AI e multicanalità con gli strumenti di TIM e Google Cloud

FOCUS     |     AI

La classificazione dei dati tra AI e multicanalità con gli strumenti di TIM e Google Cloud

La classificazione dei dati è un processo fondamentale da fare con gli strumenti giusti: dall’AI alla multicanalità.


01.02.2023
time Tempo di lettura 4 minuti

A partire da un avanzato sistema di classificazione dei dati, TIM e Google Cloud sviluppano un approccio ai servizi che diviene, grazie all’integrazione di diverse tecnologie, sempre più orientato al cliente.

Gli strumenti di TIM e Google Cloud permettono infatti di sfruttare pienamente il potere dei dati per attuare strategie di multicanalità.

Classificazione dei dati: un passaggio indispensabile per realizzare la omnicanalità

La classificazione dei dati è il processo attraverso il quale dati strutturati o non strutturati sono organizzati in categorie in base al tipo di file, al contenuto e ad altri metadati.
La classificazione completa dei dati è necessaria per procedere a ulteriori attività di analisi, grazie alle quali fornire informazioni sulla posizione e sull’utilizzo dei dati, abilitare la codifica dei metadati e migliorare le attività aziendali.

Grazie alla classificazione dei dati, le organizzazioni arrivano a identificare gli smart data: “big data made actionable in real time”. Vero asset aziendale, gli smart data sono dati selezionati, di elevata pertinenza, che contengono la conoscenza utile a specifici e contingenti processi decisionali. Se effettuata in modo da valorizzare la qualità delle informazioni e produrre insight realmente significativi, la classificazione contribuisce in modo determinante a centrare specifici obiettivi:

●       aprire e potenziare canali di comunicazione diretta con i clienti,
●       massimizzare le conversioni,
●       migliorare il ROI sulle singole iniziative di marketing.

La classificazione dei dati è inoltre alla base di qualsiasi document recognition, il riconoscimento intelligente dei documenti.
Per tutti questi ottimi motivi la classificazione dei dati è un passaggio indispensabile per riuscire a progettare e realizzare qualsiasi strategia multicanale.

Omnicanalità all’opera: quando l’AI incontra la comunicazione

Qualsiasi efficace strategia multicanale viene abilitata da una corretta e articolata classificazione dei dati.

Per ottimizzare la gestione e le performance del singolo touchpoint è necessario prima di tutto raccogliere, elaborare e interpretare le enormi quantità di dati a disposizione. La comunicazione con i clienti viene quindi sviluppata attraverso più canali indipendenti ciascuno dotato di particolari caratteristiche tecniche, funzionalità interattive e vantaggi specifici.

Oggi la complessità delle strategie multicanale può essere governata e messa a valore integrando strumenti di intelligenza artificiale.
Prendiamo in considerazione qualche dato.

● Secondo Gartner, entro il 2025, il 75% delle aziende avrà operativizzato le architetture di Intelligenza Artificiale grazie anche alla rapida maturazione e sviluppo dell’Intelligenza Artificiale stessa;
● Gartner ancora prevede anche che entro il 2025, le organizzazioni che incorporano l'intelligenza artificiale nelle loro piattaforme aumenteranno l’efficienza operativa del 25%.
● D’altra parte, il panorama del MartTech è cresciuto del 5,23% negli ultimi 10 anni.
In un contesto enormemente affollato e competitivo come quello attuale, l’imperativo dei decisori aziendali è quello di riuscire a scovare, tra tutte quelle proposte, gli strumenti adatti a estrarre valore dalla mole di dati che circola ogni giorno nelle aziende.

Quelix e TIM Tellya: dare senso ai dati per migliorare le prestazioni multicanale


Scegliendo gli strumenti di AI più appropriati rispetto a processi e obiettivi, le aziende aumentano l’efficacia delle loro azioni e l’efficienza dei loro processi: raggiungono un alto livello di connettività, una maggiore trasparenza e una maggiore collaborazione. Strumenti come la soluzioni TIM Tellya e Quelix, sviluppate da TIM e Noovle con il supporto di Google Cloud.

Le soluzioni TIM Tellya e Quelix  consentono di dare un senso ai dati in tempo reale e di acquisire una comprensione più profonda del pubblico di riferimento, migliorando le prestazioni complessive multicanale.  

Quelix è il miglior modo di collegare l’audience ai contenuti più rilevanti – vero obiettivo di qualsiasi strategia multicanale. È una piattaforma di enterprise search che aiuta le aziende e gli utenti finali a trovare rapidamente i contenuti che stanno cercando.

TIM Tellya è un ecosistema digitale che consente di creare e gestire chatbot a livello enterprise e organizzare tutto il flusso di comunicazione, su canali differenti. Abilita esperienze conversazionali customizzate end-to-end e consente la gestione di tutto il ciclo di vita di un assistente virtuale.